CENTENARIO DANTESCO - COMITATO SCIENTIFICO ORGANIZZATIVO

rafdante
RAFFAELLO SANZIO, Ritratto di Dante. Vaticano, Stanza della Segnatura (particolare dell’affresco "La disputa del Sacramento", 1509)

In occasione del VII centenario della morte di Dante Alighieri (1321-2021), il Pontificio Consiglio della Cultura, consapevole del legame profondo tra il Poeta e la Sede petrina e tra la sua produzione letteraria e la fede cattolica, ha ritenuto di costituire un Comitato scientifico-organizzativo che vuole esprimere il vivo desiderio della Santa Sede di onorare la memoria del Sommo Poeta, araldo più eloquente del pensiero cristiano (Benedetto XV, In Praeclara Summorum), e approfondirne la figura e l’opera nella sua dimensione religiosa e spirituale.

Tale relazione privilegiata del Poeta con la Chiesa, “Madre piissima”, si esprime nella reciproca appartenenza, evidenziata dal magistero: “Nostro è Dante! Nostro, vogliamo dire, della fede cattolica” (Paolo VI, Altissimi cantus).

L’universalità della Chiesa operante nella storia, esaltata negli scritti danteschi, si accompagna alla universalità del poeta per le domande, ultime e fondamentali, che egli pone sul senso dell’esistere, per la tensione propria dell’homo viator verso la verità, per la costante ricerca in cui, sempre il poeta, elabora l’esperienza spirituale e personale dell’incontro con Dio, e che lo hanno reso “necessario a tutti in tutti i tempi” (G. Ravasi).

L’attualità di Dante diventa oggi vitale per l’articolata riflessione filosofica e teologica sui grandi temi, per lo spirito di ricerca, scientifica e spirituale, per l’acuta e profonda osservazione dell’umanità, in un percorso antropologico profondo e concreto allo stesso tempo, capace di toccare ogni uomo e ogni donna di ogni tempo tanto che “In lui sommariamente le divine cose e l'umane parevano esser fermate” (G. Boccaccio, Trattatello, c. VIII).

Il centenario dantesco del 2021 diventa così una nuova occasione di dialogo, di ampio respiro antropologico e teologico, in quel mondo culturale, non solo cattolico, che ammira la forza espressiva del Poeta e, attraverso di essa, la sincera ricerca dell’uomo con le sue esperienze, aspirazioni, contraddizioni, a partire dal mistero della sua libertà e dal suo costitutivo essere di e in relazione, mettendo “in ordine l’esistenza” (R. Guardini). 

Consapevole di quanto la fede sia stata fondante nello slancio d’ispirazione di Dante, il Pontificio Consiglio della Cultura, con il suo Comitato, si impegna a promuovere un percorso articolato di studio, ricerca scientifica, documentazione, mediante pubblicazioni e iniziative pubbliche, per un ampio progetto di divulgazione e di comunicazione di Dante e della sua produzione letteraria nel VII anniversario della morte.

Un percorso che, in sinergia con enti e istituzioni culturali internazionali, mira a conoscere e farlo conoscere come “un profeta di speranza, annunciatore della possibilità del riscatto, della liberazione, del cambiamento profondo di ogni uomo e donna, di tutta l’umanità. Egli ci invita ancora una volta a ritrovare il senso perduto o offuscato del nostro percorso umano e a sperare di rivedere l’orizzonte luminoso in cui brilla in pienezza la dignità della persona umana”, oltre le selve oscure della vita (Francesco, Messaggio).

Comitato scientifico-organizzativo

Dante 1321-2021

Presidente:

S. Em. Rev.ma il Cardinale Gianfranco Ravasi

Membri:

S. Ecc.za Rev.ma Mons. José Tolentino de Mendonça, Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa  

S. Ecc.za Rev.ma Mons. Domenico Pompili, Commissione Cultura Conferenza Episcopale Italiana      

Prof. Luca Azzetta, Università degli Studi di Firenze

Mons. Marco Ballarini, Prefetto della Veneranda Biblioteca Ambrosiana    

Prof. Theodore J. Cachey jr, Notre Dame USA Centro Studi Danteschi   

Prof. Albertina Cortese, Centro Scaligero Studi Danteschi       

Prof. Giuseppe Frasso, Università Cattolica di Milano   

Mons. Pasquale Iacobone, Segretario della Pontificia Commissione di Archeologia Sacra

P. Ivo Laurentini, Direttore del Centro Dantesco di Ravenna   

Prof. Claudio Marazzini, Presidente dell’Accademia della Crusca

Prof. Emilio Pasquini, Emerito Università degli Studi di Bologna     

Prof. Luca Serianni, Emerito Università Sapienza di Roma  

Segretario: don Antonio Appella

Documento redatto in occasione della Conferenza Stampa di Presentazione di S. Em. il Cardinale Gianfranco Ravasi come Presidente della "Casa di Dante" di Roma (Primavera 2012)